Alsazia

Tra Francia e Germania, l’Alsazia si estende per 100 km tra il Reno e la catena dei Vosgi. Enologicamente simile alla Germania ha metodi e filosofia francesi: ne risultano vini secchi e intensi, ben fermentati, facilmente adattabili alla cucina locale.

I vini d’Alsazia

Due gruppi di classificazioni: Vini d’Alsazia, prodotti con Chasselas e Knipperlè, e A.O.C., con vitigni nobili come Gewurztraminer, Pinot Nero, Pinot Grigio, Riesling Renano, Sylvaner, Muscat, Pinot Blanc. Se assemblati si chiamano Edelzwicker, che significa miscela nobile.

I Grand Cru di Alsazia

Solo i vini fatti con Riesling, Pinot Grigio, Muscat e Gewurztraminer hanno diritto alla menzione Grand Cru.
L’Alsazia è l’unica regione francese dove in etichetta viene indicato il vitigno. Le bottiglie adottate sono le notissime alsaziane chiamate anche ‘flute’.

Vini tedeschi alla francese ma non solo

Il 95% del vino alsaziano è bianco, rari i vini rossi. Oggi si trovano vitigni tipici del Centro Europa come Gewurztraminer, Riesling Renano, Pinot Gris, Pinot Blanc. I grandi vini alsaziani sono certamente i vini dolci, le cosiddette Vendange Tardive nei dintorni di Colmar, o le Selection De Grain Nobles (selezioni di acini nobili, ossia muffati). Vendemmie tardive o selezioni nobili a queste latitudini consentono vini eleganti che possono vincere il confronto anche con i vini austriaci e tedeschi.

Il territorio è divisibile in 2 aree: il primo è il Bas Rhin con capitale Strasburgo, nel nord piovoso e ventilato. Qui i vini sono meno fragranti e profumati, talvolta più eleganti rispetto a quelli dell’Alto Reno.

Haut Rhin, a sud, con capitale Colmar, ha un clima particolarmente favorevole alla coltivazione della vite che avviene tra i 180 e 360 m di altitudine.

I Vigneron

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre offerte e promozioni

Accetto l'informativa sulla privacy